L'attacco corretto al seno


Nei primi tempi di rodaggio della vita a due (mamma e bebè), può capitare frequentemente che insorgano dei piccoli problemi: il bimbo deve capire come attaccarsi al seno, la mamma come allattare...non abbiate fretta né sentitevi inadeguate, è del tutto normale. Con un po' di pratica, di aiuto e di pazienza tutto si risolverà. 
Un attacco corretto del bambino è importante per prevenire tanti problemi (ragadi, ingorghi, mastiti, scarsa crescita, scarsa produzione di latte..). La mamma e il bimbo dovrebbero trovare una o meglio più posizioni  a loro congeniali (vedi post successivo e domande frequenti sulle varie posizioni). Il bimbo dovrebbe essere ben sostenuto, col corpo rivolto verso la mamma e portato verso il seno. La mamma non dovrebbe sporgersi verso il bebè, ma stare appoggiata indietro e il più possibile rilassata. Potete sorreggere la testa del bimbo con una mano alla base del collo, ma non spingetelo dietro alla nuca, potrebbe reagire tirando indietro bruscamente la testa!! Ma come attaccarlo?

Non aspettate mai che pianga, per attaccarlo, perché potrebbe non attaccarsi correttamente. Puntate il capezzolo all'altezza del naso. Stuzzicategli il nasino col capezzolo bagnato di latte, e nel frattempo stuzzicategli con un dito il meno. In questo modo la bocca dovrebbe spalancarsi bene e formare una K. Una volta afferrato il capezzolo, il bimbo dovrebbe ciucciare attivamente e ingoiare senza schiocchi né fossette nelle guance. La parte dell’areola visibile dovrebbe essere la parte superiore. Le labbra del bimbo dovrebbero essere estroflesse (ma non sempre è visibile il labbro inferiore). La lingua dovrebbe sporgere sopra la gengiva inferiore e avvolgere bene la parte inferiore dell’areola come un cucchiaio  (ma questo segno non sempre è visibile). Il mento risulterà attaccato al seno. (clicca sull'immagine per vedere il video).
Per i bimbi che non ne vogliono sapere di sporger bene la lingua, esiste un metodo simpatico…la passeggiata delle dita sulla lingua: provate a far questo gioco prima della poppata: coll’indice massaggiategli la lingua, "passeggiandoci sopra" in modo che lui la tiri ben fuori. Poi provate ad attaccarlo.
Se il bambino non è attaccato correttamente, e sentite male per più di 30 secondi, oppure se vedete che il bimbo tira indietro la testina irrequieto, provate a staccarlo con delicatezza infilando il dito nell’angolo della sua bocca. 


Bibliografia: Dispense corso allattamento base, Faenza 13-20-27 marzo 2011, di Paola Negri. http://www.paolanegri.it/


Nessun commento:

Posta un commento