ALLATTARE NELLE EMERGENZE

Esprimiamo tutta la nostra solidarietà e vicinanza alla nostra amica Annalisa Paini, alle mamme del GAAM di Carpi e a tutte le famiglie terremotate dell'Emilia Romagna. 
Riprendiamo alcuni stralci del comunicato del GAAM di Carpi, datato 26 maggio. 


ALLATTARE DOPO IL TERREMOTO:
con preghiera di massima diffusione

by gaamcarpi 

Spesso si crede che uno spavento o un trauma facciano "andar via" il latte e che una mamma spaventata debba passare al latte artificiale. Non è vero. Certo lo stress può inibire la produzione degli ormoni della lattazione, ma se correttamente sostenuta anche una mamma che sta attraversando un momento difficile può continuare ad allattare. Anzi, grazie ai positivi affetti ormonali (per es. si sopporta più facilmente la fatica) e psicologici (per es. aumento dell'autostima) dell'allattamento, crediamo che questa mamma e il/la suo/a bambino/a potranno affrontare meglio questi giorni così duri. Per non parlare della comodità di attaccare il bimbo al seno quando si vuole piuttosto che far la fila per chiedere acqua bollente, latte in polvere, sterilizzatore ecc... vorremmo quindi sottolineare che a nessuna mamma che allatta dovrebbe essere proposto attivamente latte artificiale e che le mamme in difficoltà dovrebbero ricevere il sostegno competente necessario per fare una scelta informata e per proseguire l'allattamento se lo desidera. Se serve, alcune di noi (mamme volontarie formate) sono disponibili ad andare in loco per sostenere e aiutare le neomamme, (...)
Avendo trovato la richiesta di latte in polvere in uno degli appelli relativi alla raccolta di beni di prima necessità per gli sfollati del terremoto, abbiamo pensato di scrivere alle Istituzioni e alle associazioni di volontariato che a vario titolo stanno operando nelle zone colpite dal sisma per diffondere alcuni documenti internazionali riguardo la protezione dell'allattamento al seno nelle emergenze.
"In ogni circostanza, e in special modo nelle situazioni di emergenza, andrebbero assicurate protezione, promozione e sostegno all'allattamento al seno e una sana e appropriata alimentazione complementare al momento opportuno. Eppure, nei momenti di crisi, arrivano spesso da varie fonti donazioni di latte artificiale e biberon. Nonostante le intenzioni siano in genere buone, manca la consapevolezza che tali donazioni possono fare più male che bene [...]. Dovrebbero piuttosto essere resi disponibili prodotti adeguati che siano parte integrante delle forniture regolari di cibo e farmaci, da distribuire e somministrare solo a quei neonati che devono essere nutriti con sostituti del latte materno dopo un'attenta valutazione dei loro bisogni. Ciò aiuterebbe ad evitare situazioni in cui un'eccessiva disponibilità di latte artificiale porti le madri ad abbandonare l'allattamento al seno, quando esso è in realtà un'ancora di salvezza. Durante le emergenze più che mai, l'avvio precoce, l'allattamento esclusivo fino a sei mesi e protratto fino a due anni e oltre, come raccomanda l'OMS, devono essere promossi, protetti e sostenuti per la sopravvivenza e la salute dei bambini. I piccoli allattati al seno hanno una provvista di cibo sano e sicuro, [...] e ricevono anticorpi e altri fattori di difesa che aiutano a prevenire le malattie." (da ICDC FOCUS, maggio 2009)

Potete consultare seguente documentazione:

- L'alimentazione di lattanti e bambini piccoli nelle emergenze. Guida Operativa per personale di Primo Soccorso nelle emergenze e per i Direttori di progetto, a cura del Core Group IFE (UNICEF, OMS, UNHCR, WFP, IBFAN-GIFA, CARE USA, Fondazione Terre des hommes e Emergency Nutrition Network)

- Allattare al seno - una risposta vitale nelle emergenze. Sei pronto? a cura della WABA (World Alliance for Breastfeeding Action) - rivolto anche ai volontari Associazione GAAM (Gruppo Aiuto Allattamento Materno) di Carpi, dott.ssa Nadia Lugli e Associazione l'Arca delle Mamme di Cavezzo-Mirandola

Nessun commento:

Posta un commento