Scatti di crescita ! se li conosci prosegui !!!

Tanti genitori si chiedono quanto dura la poppata di un bebè, a volte stupiti dal bisogno fisiologico del proprio piccolo al contatto.
La durata della poppata è molto variabile e soggettiva, in generale è sempre meglio lasciar fare al bambino e non dare limiti di tempo. 
Ci sono bambini lenti, e bambini voraci. I bambini piccoli o prematuri di solito sono più lenti, oppure fanno poppatine brevi e frequenti. E' importante non staccare il bimbo dal seno precocemente perché potrebbe non prendere il secondo latte, quello più grasso e proteico. E' importante che durante la poppata si alternino fasi di suzione nutritiva (suzione-deglutizione-respiro, spesso in concomitanza col riflesso di emissione) a suzione non nutritiva (il bimbo si "coccola" al seno, il mento "trema" con piccole suzioni veloci, la deglutizione avviene dopo varie suzioni). 
La suzione non nutritiva è comunque importante per rilassare il bimbo, dargli sicurezza grazie al contatto e facilitargli la mobilità intestinale.
L'accrescimento quindi può essere valutato senza guardare l'orologio ma secondo dei parametri quali:
-ripresa del peso alla nascita entro circa 10 giorni
-crescita di almeno 500 gr. nei primi tre mesi (130 gr. a settmana minimo)
-dal 4 giorno almeno 6 pannolini bagnati nelle 24 ore
-dal 4 giorno feci marroncine poi gialle: almeno 3 al giorno. Dopo il primo mese possono diradarsi, anche 1 cacca ogni 6 giorni. Non è segno di stitichezza. L'importante è che sia abbondante e morbida.
-dopo i primi 3 mesi crescita di almeno 80 gr a settimana.
-Attenzione!!alcuni bambini crescono leggermente meno ma stanno bene, occorre sempre valutare anche la vitalità e la serenità del bambino, ed escludere possibili segni di disidratazione: pelle secca, urina poca e concentrata...
Ad un certo punto però il bebè inizia dare segni di irrequietezza... cosa succede ????

Può accadere che da un giorno all'altro, dopo che l'allattamento è avviato, il bambino diventi più irrequieto, poppi frequentemente e non sembri mai soddisfatto.
Questo è un momento molto delicato nel quale sostenere la mamma e rendere la famiglia consapevole di quello che sta accadendo, le nozioni giuste possono fare la differenza.
Ci possono essere varie cause per l'irrequietezza al seno: attacco scorretto, disturbi di salute come raffreddore, forte riflesso emissione, cambiamenti nei ritmi abituali, ed anche gli scatti di crescita
Spesso gli scatti di crescita sono del tutto sconosciuti alle mamme e questo le porta a provare dubbi di ogni genere.
E' fondamentale sapere che il bimbo ha bisogno di alimentarsi di più perchè sta crescendo di più e sta chiedendo al corpo della mamma un aumento della produzione di latte tramite poppate più frequenti e ravvicinate. Di solito capita tra le 4 e le 6 settimane di vita, tra i 2 e i 3 mesi, al 4 mese. 
E' importante sapere che quello che sta accadendo è del tutto fisiologico, temporaneo e normale e che assecondando il bambino con poppate frequenti, il seno produrrà più latte, nel giro di qualche giorno. 
Più il seno sarà drenato, più il bimbo popperà e prima si aumenterà la produzione e si supererà questo momento delicato che tanto spesso è causa di dubbi nelle mamme. Ricordiamo sempre che il latte materno è sempre adeguato alle esigenze dei bebè, muta durante l'arco della giornate ed asseconda le specifiche esigenze dei piccoli. Allattare fa bene alle mamme e ai bebè.

(corso allattamento base 2011, dispense a cura di P.Negri e T.Catanzani)

Nessun commento:

Posta un commento