Allattamento a richiesta

La fisiologia dell'allattamento implica che l'allattamento sia a richiesta, sia nei primi giorni, sia nei mesi successivi.
Ma cosa vuol dire? vuol dire che per non interferire con la crescita del bimbo e con la produzione di latte, è importante non dare limiti di durata alle poppate e non distanziarle forzatamente. Vuol dire attaccare il bimbo quando mostra segni di fame (muove la testolina, si succhia il pugno, si agita).
Possiamo star tranquille: i bimbi sanno autoregolarsi benissimo (più di noi adulti!!), non rischiano di iper alimentarsi, anche perché il latte materno è facilmente digeribile...

Ma qual'è il ritmo medio delle poppate? é molto variabile: dipende dal bambino, dalla sua corporatura, dalla capacità di immaganizzamento del seno, dal periodo di crescita, dal clima....Si sente dire "ogni 3 ore", ma può essere un'intervallo troppo lungo per alcuni bambini, che in questo modo non riescono ad alimentarsi a sufficenza, e per alcune mamme, che così rischiano di produrre sempre meno latte. Dal secondo giorno dalla nascita le poppate diventano molto frequenti, non necessariamente distribuite in maniera regolare (le cosiddette poppate a grappolo). Alcune mamme non riescono neanche a contare QUANTE poppate avvengono nelle 24 ore....comunque, se propio vogliamo quantificare vanno da un minimo di 8 fino a 12...ma anche più...Se il bimbo poppa poco, a intervalli molto lunghi, occorre valutare la sua crescita e quante pipì fa. Se cresce bene e urina non c'è bisogno di intervenire, se cresce poco...meglio stimolarlo a poppare più frequentemente (allattamento a offerta).
Il bambino non succhia solo per alimentarsi, ma anche per conforto, sicurezza, comunicazione...tutti bisogni primari come l'alimentazione, non dimentichiamolo!! Il bambino sa per questo modulare una suzione nutritiva, dalla suzione non nutritiva...(comunque importante ai fini della stimolazione del seno e del riflesso di emissione)...
Allattare a richiesta è importante nei primi giorni di vita, (riduce rischio di ittero, stimola la montata lattea, consente al bambino di imparare a succhiare quando il seno è morbido, riduce rischio di emorragia..) ma è importante anche nei mesi successivi. Finché c'è allattamento esclusivo (6° mese compiuto), è bene non dare regole e orari al bambino, altrimenti si può interferrire con la sua crescita: è una falsa aspettativa che i bimbi diradino le poppate dopo il primo mese..può capitare a due o quattro mesi che il bimbo abbia bisogno di nutrirsi di più per far fornte ad uno scatto di crescita. Se ti è possibile, assecondalo...
Ti chiederai: ma allora non posso più uscire!! Se te la senti, basta un pò di pratica e naturalezza e puoi allattare  davvero ovunque...per strada, nei bar, al cinema, al parco, al mare, in montagna, in auto...con l'aiuto di una fascia puoi allattare anche camminando :O) Di solito al bimbo piace molto e anche alla gente...vedrai quanti si inteneriscono e ti sorridono..
Infine, se hai bisogno di tornare a lavorare, puoi continuare ad allattare al seno: inizia qualche settimana prima a tirarti il latte, poi congelalo e lascialo a chi terrà il bambino. E' importante che continui a estrarti il latte almeno ogni tre o quattro ore anche quando sei a lavorare, per non ridurre la produzione.

Nessun commento:

Posta un commento