Corso di formazione 24-25 maggio 2014. Abilità di counselling nel lavoro con la diade mamma-bambino.



Percorso di formazione
Abilità di counselling nel lavoro con la diade mamma-bambino.

 
A chi è rivolto:
Il percorso di formazione si rivolge a operatori alla pari e/o operatori sanitari coinvolti nel lavoro di sostegno della mamma e della diade mamma-bambino.

Finalità ed obiettivi:
Gli aspetti del counselling e della comunicazione sono importanti tanto quanto gli aspetti più tecnici per promuovere un aiuto efficace.
Il percorso intende introdurre i corsisti alle abilità di counselling e della relazione di aiuto con particolare riferimento al lavoro con le mamme ed i bambini.

Docente:
Angela Maria Nitti – mamma, formatrice, esperta dell’età evolutiva e counsellor a orientamento gestaltico ed analitico-transazionale. Presidente di C.R.E.ATTIVA, associazione che offre servizi di promozione del benessere dell’area sanitaria, psicologica ed educativa.
info: http://www.angelanitti.it/

Programma:
1° week end di formazione (aperto a tutti) 24-25 maggio 2014
obiettivi didattici:
In questo week end di formazione intendo:
fornire le basi del lavoro di counselling secondo un approccio umanistico esistenziale integrato;
fornire gli strumenti per migliorare dell’efficacia degli interventi di aiuto promossi dai corsisti.

Tematiche
Introduzione al counselling e definizione del campo di applicazione.
cos’è il counselling,
utilità del counselling nel lavoro con la diade mamma-bambino,
utilità del counselling nel lavoro con i gruppi di mamme (cenni);
il counselling nel lavoro con le famiglie (cenni).

  
  • Sabato 24 mattina + pomeriggio 10,00 – 18,00
Ascoltare sé stessi per essere in ascolto dell’altro. (Perché un operatore desidera aiutare le mamme e i bambini?)
Lo scopo del counselling nel supporto delle mamme.
Autonomia, solitudine e dipendenza
Rischi della relazione d’aiuto
Relazione distaccata e relazione confluente versus relazione empatica,
Atteggiamento interpretativo versus atteggiamento fenomenologico,
Dare consigli e fornire soluzioni,
Giudicare,
Burn out dell’operatore (cenni)
Esercitazioni pratiche, role play, studio di casi.
Modalità di gestione di un colloquio con la mamma
Il setting,
Aprire e chiudere un colloquio,
Stabilire un rapporto di fiducia,
Congruenza comunicativa, comunicazione verbale e non verbale.
 

  • Domenica 25 maggio : mattina + pomeriggio 9,00 – 17,00
Le abilità di counselling
Formulare le domande ed esplorare i problemi,
Tipi di domande – domande che chiudono la comunicazione e domande che aprono la conversazione,
Metafore, mezzi creativi e altri mediatori della comunicazione,
Il ruolo del silenzio e dello “stare con”,
Dare feedback,
Usare il rinforzo positivo,
Porre obiettivi raggiungibili immediatamente.
Esercitazioni pratiche, role play, studio di casi.
Conclusione dei lavori.

 ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
2° week end di formazione (aperto a chi ha frequentato il primo week-end di formazione) data da definire.

 
obiettivi didattici:
In questo week end di formazione intendo:
rinforzare gli apprendimenti relativi al modulo precedente;
approfondire gli aspetti peculiari del lavoro di counselling con i gruppi;
approfondire tematiche relative alla supervisione e alla prevenzione del burn-out.

Tematiche
Il counselling nel lavoro con i gruppi di genitori;
Gruppi omogenei e disomogenei;
il counselling familiare (cenni).
Burn out dell’operatore.

 
Sabato mattina + pomeriggio 10,00 – 18,00
Modalità di gestione di un lavoro con i gruppi
Il setting,
Circoli virtuosi e possibilità del gruppo.
Laboratorio su situazioni reali raccolte in aula dai corsisti.
Esercitazioni pratiche, role play, studio di casi.
 

Domenica mattina + pomeriggio 9,00 – 17,00
Il counselling nei gruppi di mamme e in gruppi di genitori.
Differenze tra intervento individuale ed intervento di gruppo;
Costruire il clima positivo - fiducia – regole - non giudizio - gestione di feedback;
setting – spazi, tempi e altre condizioni di contesto,
le regole del gruppo,
promuovere l’ascolto attivo tra i membri del gruppo,
promuovere un clima di fiducia,
promuovere le relazioni tra membri del gruppo.
Esercitazioni pratiche, role play, studio di casi.
Conclusione dei lavori.------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Per informazioni ed iscrizioni
Monica 3474485128 
Ass. Onlus Gaaf - Gruppo allattando a Faenza
Via Marri n. 2 Faenza
info : allattandoafaenza@gmail.com


Nessun commento:

Posta un commento